Istituto Professionale di Stato per i Servizi Alberghieri
e della Ristorazione "P. Artusi"
Marco, sommelier  d'argento: a 21 anni  sul podio nazionale

Giovanissimo ma già tra i migliori sommelier d'Italia. Anzi subito alle spalle del migliore uscito dalla 26a edizione del trofeo Rastal, organizzato dalla Federazione italiana sommelier albergatori ristoratori, che si è svolto all'acquario di Livorno. Il valdagnese Marco Ongaro è riuscito, a 21 anni e un diploma di sommelier conquistato a gennaio, a piazzarsi al secondo posto tra gli otto finalisti provenienti da tutto lo Stivale.

Un volto che non è nuovo al nostro giornale: nel 2017, era stato intervistato dopo essere riuscito a portare a casa il 110 e lode all'alberghiero Artusi di Recoaro. E da dove l'avevamo lasciato di strada ne ha fatta. «Dopo il diploma in sala e vendita non avevo le idee chiare - spiega emozionato il giovane sommelier - Proprio per prendermi del tempo ho frequentato i tre livelli del corso della Fisar di Vicenza. Poi ho deciso di iscrivermi alla facoltà di enologia e viticoltura della Fondazione Edmund Mach a San Michele all'Adige, collegata all'ateneo di Trento. Oggi tra un esame e l'altro porto avanti la mia passione».

 

E se durante gli studi superiori Ongaro aveva già messo a segno un primo posto a Cuneo al concorso nazionale per gli istituti alberghieri per "sala e vendita" ed un secondo a Treviso per "cocktail bar", sollevare il calice simbolo del trofeo Rastal è stata una grande soddisfazione: «Non ho ancora festeggiato perché il concorso si è svolto in un periodo di esami all'università, ma tra un paio di settimane stapperò la bottiglia con i colleghi della delegazione. Un sogno? Vorrei proseguire nel mondo vino, ma non so ancora come. Un futuro legato alla sommellerie? Magari nell'insegnamento per trasmettere conoscenza e passione». 

Veronica Molinari

Giornale di Vicenza

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.